Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

Pin It

L'Istituto di Istruzione Superiore "Ottone Bacaredda - Sergio Atzeni" è identificato dal codice meccanografico: cais00700g

Indice dei contenuti

L'istituto di Istruzione Superiore Bacaredda-Atzeni nasce il 1 Settembre 2015 dalla fusione dell'istituto tecnico per Geometri "O. Bacaredda" di Cagliari, con sede staccata a Selargius, e dell'Istituto Superiore Sergio Atzeni, con sede a Capoterra, che presenta i corsi: Liceo Scientifico - Tecnico Commerciale e Turistico e Liceo delle Scienze Umane.

L'Istituto  Tecnico per Geometri Ottone Bacaredda è stato istituito a Cagliari nell’anno scolastico 1941-42 come sezione dell’Istituto Tecnico Commerciale “Pietro Martini” di Cagliari. Nell’anno scolastico 1958-59 è diventato autonomo ed è stato intitolato a Ottone Bacaredda, Giurista, Deputato al parlamento, Sindaco di Cagliari nei primi decenni del ‘900, ed ha sede principale in Via Grandi snc a Cagliari; la seconda sede si trova a Selargius in Via Nino Bixio 4.

L'istituto Sergio Atzeni, sito in Via Trexenta a Capoterra, inizia la sua attività nell’anno scolastico 1990-1991 come sede staccata dell’I.T.C. “Leonardo da Vinci” di Cagliari. Nell’anno scolastico 1996-1997, è stata aperta anche una sede staccata del Liceo Scientifico “Alberti” di Cagliari e, nell’anno scolastico 2000-2001 c’è stata la “fusione” tra le due scuole che ha dato l’autonomia alla nuova Istituzione scolastica come Istituto Statale di Istruzione Superiore che, dal 1° settembre 2004, ha assunto la denominazione di I.S.I.S. “Sergio Atzeni” in onore di un grande scrittore sardo nato proprio a Capoterra nel 1952 autore di opere importantissime e famose come "L'apologo del giudice bandito", "Il figlio di Bakunin" e "Passavamo sulla terra leggeri".

Struttura dell'Istituto

L'istituto comprende attualmente: 

  • la Sede Centrale di Cagliari sita appunto in via Grandi snc

  • le Sede associata di Selargius sita in Via Nino Bixio n° 4

  • La sede associata di Capoterra sita in Via Trexenta

Le sedi di Cagliari e Capoterra sono anche sede di un Corso Serale. 

Di seguito i codici meccanografici di ciascuna sede:

Sede Centrale di Cagliari: CATL060004

Sede di Selargius: CATL007029

Corso Serale: CATL00751N

 

Sede email telefono
 Cagliari  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  070/494354
 Selargius  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  070/840039
 Capoterra  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  070/722064

torna all'indice

 

 Il contesto territoriale

Le sedi di Cagliari e Selargius (Bacaredda) si rivolge ad un vasto bacino che comprende alunni provenienti da numerosi comuni della provincia: il 75% circa degli studenti frequentanti risiede fuori dal comune di Cagliari e le stesse percentuali si ritrovano per la sede di Selargius
Il bacino di utenza dell’Atzeni (Capoterra) coincide formalmente con il territorio e i comuni appartenenti alla XXIII Comunità Montana cioè Capoterra, Sarroch, Pula, Villa S. Pietro, Domus de Maria, Uta.
Il nucleo “forte” del bacino di utenza è costituito da Capoterra-centro a cui si aggiungono i centri residenziali limitrofi (Poggio dei Pini, Frutti D'oro e Torre degli ulivi).

torna all'indice

 
 

PRINCIPI FONDAMENTALI ISPIRATORI DELLE ATTIVITA’ DELL’ISTITUTO

L'insegnamento è diretto alla formazione della persona e promuove la crescita umana, civile e professionale dello studente.

Per rispondere ai suoi fini istituzionali la scuola mira ad educare lo studente ai valori:

  • dell’autonomia, intesa come capacità di organizzare il proprio pensiero e gestire le proprie attività in quanto singolo e in quanto membro di un gruppo;
  • della libertà, intesa come conoscenza della propria dignità personale tradotta in conoscenze ed esercizio dei propri diritti e dei propri doveri;
  • del rispetto delle leggi, inteso come strumento per una corretta educazione alla convivenza;
  • della tolleranza, intesa come consapevolezza della ricchezza insita nella pluralità e nella diversità;
  • della novità, intesa come acquisizione della capacità di confrontarsi con il nuovo, di ipotizzare risposte nuove a disagi e conflittualità ricorrenti, a ricercare il “non ancora sperimentato” da sostituire a risposte già date e non soddisfacenti;
  • della complessità del reale, superando schematismi e semplificazioni;
  • dell’autovalutazione, intesa come capacità di misurare il proprio operato e come presa di coscienza delle proprie possibilità e dei propri limiti.

Obiettivi educativi e comportamentali

Le finalità di cui sopra si traducono nei seguenti obiettivi che rappresentano ciò che l’alunno deve sapere, saper fare e quelle modificazioni che si devono realizzare nel suo comportamento:

  • promuovere la formazione dell’uomo e del cittadino attraverso risposte ai bisogni educativi ed alle nuove esigenze di formazione;
  • offrire esperienze culturali, relazionali e sociali significative, per la crescita e maturazione dei giovani;
  • favorire il consolidamento di un’identità personale in grado di interagire criticamente con l’educazione; l’elaborazione delle scelte di valori da proiettare nel futuro, l’acquisizione di criteri di analisi e strumenti di giudizio;
  • realizzare l’orientamento come sviluppo dell’identità personale e sociale, delle capacità decisionali e di pianificazione del futuro professionale all’interno del proprio progetto di vita;
  • educare al rispetto degli altri;
  • educare al dialogo, allo scambio, al rispetto delle idee degli altri, alla tolleranza, al rispetto del diverso, ad una cultura della pace e della differenza;
  • educare alla conoscenza, al rispetto del proprio ambiente e dell’ambiente in generale;
  • educare alla salute.

 

Normativa dell’obbligo scolastico


Dal dicembre del 2006 è entrato in vigore in Italia l’obbligo di istruzione fino a 16 anni (L. n. 296/2006). Con il Regolamento del 22 agosto 2007 (G.U. n. 202 del 31 agosto 2007), il Ministero ha dato le indicazioni sulle competenze e i saperi che tutti i giovani devono possedere a sedici anni, indipendentemente dalla scuola che frequentano. Si tratta delle otto competenze chiave di cittadinanza: esse rappresentano competenze e saperi indispensabili, e sono necessarie per la costruzione e il pieno sviluppo della persona.

Le otto competenze chiave sono:

  1. imparare a imparare: acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro;
  2. progettare: utilizzare le conoscenze apprese per darsi obiettivi significativi e realistici;
  3. comunicare: comprendere messaggi di genere e complessità diversi e comunicare in modo efficace utilizzando i diversi linguaggi;
  4. collaborare e partecipare: riconoscere il valore della diversità e dell’operare insieme agli altri, saper interagire con gli altri comprendendone i diversi punti di vista;
  5. agire in modo autonomo e responsabile: riconoscere il valore delle regole e della responsabilità personale;
  6. risolvere problemi: saper affrontare situazioni problematiche e contribuire a risolverle;
  7. individuare collegamenti e relazioni: possedere strumenti che permettano di affrontare la complessità del vivere nella società globale del nostro tempo;
  8. acquisire e interpretare l’informazione: analizzare criticamente l’informazione ricevuta valutandone l’attendibilità e l’utilità, distinguendo fatti e opinioni.

I giovani possono acquisire le competenze chiave di cittadinanza attraverso le conoscenze e le abilità riferite a competenze di base che sono ricondotte a quattro assi culturali:

  1. asse dei linguaggi: il primo obiettivo è la padronanza della lingua italiana, come capacità di gestire la comunicazione, di leggere, comprendere e interpretare testi di vario tipo e di produrre lavori scritti; è fondamentale anche a conoscenza di almeno una lingua straniera;
  2. asse matematico: la capacità di utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico e algebrico, di confrontare e analizzare figure geometriche, di individuare e risolvere problemi e di analizzare dati e interpretarli;
  3. asse scientifico-tecnologico: l’acquisizione di metodi, concetti e atteggiamenti indispensabili per porsi domande, osservare e comprendere il mondo naturale e quello delle attività umane e contribuire al loro sviluppo nel rispetto dell’ambiente e della persona;
  4. asse storico-sociale: la capacità di percepire gli eventi storici a livello locale, nazionale, europeo e mondiale, cogliendone le connessioni con i fenomeni sociali ed economici; la partecipazione responsabile alla vita sociale nel rispetto dei valori dell’inclusione e dell’integrazione.

Gli obiettivi che la scuola si pone a conclusione del biennio dell’obbligo scolastico, sono sintetizzati nelle competenze di base, che lo stesso Regolamento ministeriale propone:

  1. padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi della lingua italiana indispensabili per gestire l’interazione comunicativa verbale in vari contesti; leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo; produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi; utilizzare e produrre testi multimediali; utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi;
  2. utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, confrontare e analizzare figure geometriche, individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi; analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico;
  3. osservare, descrivere e analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale; analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dall’esperienza; essere consapevoli delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate;
  4. comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici attraverso il confronto fra epoche e attraverso il confronto fra aree geografiche e culturali; collocare l’esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio.

A conclusione del primo biennio la scuola rilascia il certificato delle competenze di base acquisite nell’assolvimento dell’obbligo di istruzione.

 

Popolazione Scolastica

La tabella riporta i dati ufficiali relativi alla popolazione scolastica dell'Istituto

 

Anno Scolastico 2015/2016 totale iscritti alunni stranieri alunni disabili n. iscritti residenti n. iscritti non residenti n. classi
Sede Centrale 329   0     17
Sede Selargius 82         6
Sede Capoterra 429   20     25
TOTALI  840    20     48 

 

torna all'indice

 

 Personale

La tabella sottostante riporta i dati relativi al Personale in Organico di Fatto aggiornata al mese di Dicembre 2015:

Personale docente

Insegnanti titolari a tempo indeterminato tempo pieno

 

Insegnanti titolari a tempo indeterminato part-time

 

Insegnanti titolari di sostegno a tempo indeterminato tempo pieno

 

Insegnanti su posto normale a tempo determinato con contratto fino al 31/08

 

Insegnanti di sostegno a tempo determinato con contratto annuale

 

Insegnanti di sostegno a t. d. su posto normale con contratto fino al 30 giugno

 

Insegnanti a tempo determinato full time con contratto fino al 30 giugno

 

Insegnanti di religione a tempo indeterminato full-time

 

Insegnanti di religione incaricati annuali full-time

 

Insegnanti di religione incaricati annuali part-time

 

Insegnanti di religione fino al termine delle lezioni

 

Insegnanti su posto normale, inglese o attività alternative alla religione con contratto a t. d. su spezzone orario

 

Insegnanti di sostegno con contratto a tempo determinato su spezzone orario

 
Totale Personale Docente  

 

Personale A.T.A.

Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi

1

Assistenti Amministrativi a tempo indeterminato tempo pieno

6

Assistenti Amministrativi a tempo determinato con contratto annuale

0

Assistenti Amministrativi a tempo determinato con contratto fino al 30 giugno

1

Assistenti Amministrativi a tempo indeterminato part-time

0

Assistenti Amministrativi con nomina fino all'avente diritto tempo pieno

0

Assistenti Amministrativi con nomina fino all'avente diritto part-time

0

Collaboratori Scolastici a tempo indeterminato tempo pieno

 

Collaboratori Scolastici a tempo indeterminato part-time

 

Collaboratori Scolastici con nomina fino all'avente diritto part-time

 

Collaboratori Scolastici  a tempo determinato con contratto annuale tempo pieno

 

Collaboratori Scolastici a tempo determinato con contratto fino al 30 giugno tempo pieno

 

Collaboratori Scolastici a tempo determinato con contratto fino al 30 giugno part-time

 

Totale Personale Non Docente

 
torna all'indice 
 
 
Staff di Dirigenza

La tabella sottostante riporta i nominativi dei componenti lo Staff di Dirigenza: informazioni di contatto sono presenti al seguente link:

Staff di dirigenza

Dirigente Prof. Pier Paolo Porcu
Primo Collaboratore (Vice Preside) Prof.ssa M.M. Attene
Collaboratore per la sede di Capoterra Prof. Bruno Deplano 
Collaboratore per la sede di Selargius Prof. Davide Vacca 
Collaboratore per il corso serale Cagliari Prof. Giorgio Andrea Pisano 
Collaboratore per il corso serale Capoterra Prof. Stefano Serra